Posts Tagged ‘ Carlo De Donno ’

Dmitry Itskov e la 2045 Initiative

Dopo tre anni ne è passata di acqua sotto i ponti e, specialmente nell’ultimo periodo, si moltiplicano le notizie legate al transumanesimo: la creazione del primo “uomo bionico”, la plausibilità di trapianti di testa, recentissima anche la produzione di lenti a contatto che permettono letteralmente di “zoomare”.

Tra tutte queste novità, quella che maggiormente sta influenzando e dando grande visibilità al nostro movimento è la 2045 initiative di Dmitry Itskov. Ma andiamo con ordine.

Dmitry Itskov è un miliardario 32enne che ha costruito il suo impero finanziario principalmente investendo in social media. Nel 2011 lancia il suo folle progetto, all’epoca Russia 2045. Obiettivo: l’immortalità.

A partire dal 2011 l’iniziativa ha conosciuto un enorme successo e, se in partenza poteva contare solo sul supporto di ingegneri e scienziati russi, oggi molti futurologi e transumanisti, tra i quali Ray Kurzweil, Peter Diamandis e Natasha Vita-More, hanno dichiarato il loro appoggio.

Pochi giorni fa si è tenuta a New York la Global Future Conference 2045, durata due giorni, che ha visto partecipare, oltre alle persone sovra citate, anche figure religiose. Elemento abbastanza inedito quando si discutono temi come il transumanesimo, la singolarità e l’evoluzione auto-indotta.

Una delle particolarità della 2045 Initiative è, infatti, soprattutto questa ricerca di dialogo con le tradizioni spirituali, lo stesso Dmitry Itskov asserisce che la mancanza di un aspetto spirituale ha portato al fallimento i primi transumanisti. [Fonte: iO9 (http://upgrade.io9.com/millionaire-in-the-machine-514124848)]

Ma come vuole Itskov raggiungere l’immortalità?

 

Il video parla da sé. L’obiettivo è la creazione di un avatar, un doppelganger robotico nel quale trasferire la propria mente. L’iniziativa si propone diversi obiettivi da raggiungere entro un un certo anno, già nel 2015, secondo Itskov, si dovrebbero avere i primi avatar. Tutto il progetto si fonda, quindi, sul mind uploading, ossia la possibilità di poter “copiare” la propria mente e la propria personalità su di un supporto digitale. La plausibilità del mind uploading è molto incerta. Vi rimando, a riguardo, ad un articolo di George Dvorsky in cui espone otto ragioni per le quali questo potrebbe risolversi in un fallimento.

http://io9.com/you-ll-probably-never-upload-your-mind-into-a-computer-474941498

Traendo le conclusioni, la 2045 Initiative apre un sacco di questioni spinose e ci spinge a riflettere sul transumanesimo e sulla possibilità dell’immortalità. 

Prima di tutto: vogliamo davvero essere immortali? A dire il vero credo che l’obiettivo da conseguire in primo luogo sarebbe quello di ottenere più controllo sulla propria vita. Arrivare a decidere se, come e quando morire. Ma l’opinione è molto soggettiva.

Secondo: chi garantisce che i risultati non permetteranno l’immortalità solo ai più ricchi? Itskov ha lanciato un appello ai più potenti miliardari del pianeta per finanziare la sua iniziativa. L’immortalità si compra, chi dice che verrà regalata?

Terzo: molte questioni non affrontate da Itskov e i suoi rendono la 2045 Initiative una utopia. Sovrappopolazione? Società? E’ chiaro che l’immortalità sconvolgerebbe il mondo, ma Itskov non si esprime mai riguardo all’organizzazione di una ipotetica società futura in cui la sua iniziativa raggiunge il successo. I toni usati dal russo sono filantropici, ma occorrerà attendere i fatti.

Tuttavia, è doveroso rimarcare i meriti della 2045 Initiative: per la prima volta assistiamo ad un progetto di stampo transumanista altamente organizzato, vediamo un team di scienziati ed ingegneri lavorare in direzione di un obiettivo tipicamente transumanista. Inoltre, Itskov sta dando linfa vitale al nostro movimento, ottenendo in due anni più popolarità di quanta il transumanesimo “ante-Itskov” ne aveva ottenuta in due decenni.

Carlo De Donno

 

 

 

Dopo poco meno di tre anni il blog ritorna attivo

Il blog dei Transumanisti ritorna attivo dopo quasi tre anni (l’ultimo articolo ha data 8 ottobre 2010). A scriverlo è il nuovo admin del blog, permettetemi una breve presentazione.

Sono Carlo De Donno, ragazzo quasi diciannovenne interessato al transumanesimo sin da giovane età. L’anno prossimo sarò studente di bioingegneria al Politecnico di Milano, sperando di poter operare in futuro nel campo della bionica o della neuroingegneria. Il mio intento è quello di apportare un utile contributo alla comunità transumanista italiana, divulgando le ultime notizie scientifiche che possono aprire interessanti sviluppi per H+, informando su eventi di nota e, possibilmente, anche con qualche post in cui dico la mia. L’opportunità di contribuire al blog mi è stata data da Riccardo Campa, che ringrazio vivamente.

Non mi dilungo troppo. La mia speranza più grande è quella di contribuire al Transumanismo e alla sua diffusione. E, per ora, lo farò tramite questo blog.

Immagine